Laboratorio d'Arte di Lauro Papale


Vai ai contenuti

Rosa Orsini

Il linguaggio di Papale è prevalentemente figurativo, ma parte sempre da un'unica matrice: il segno, elemento declinato ad interpretare l'atto creativo da cui si sviluppa la composizione d'insieme. I segni concorrono a definire una simbologia, una sintesi geometrica ed astratta di linee nella quale confluiscono le sinergie di una dialettica interculturale da cui Papale attinge fonte e stimolo.
Segno che emerge come termine assoluto nelle sculture realizzate in legno, ferro, ceramica, forti di un astrattismo simbolico, cardine principale per la realizzazione anche di opere pittoriche.
Nella pittura la presenza degli elementi geometrici sulla tela crea una danza di tessere colorate, inserite liberamente nello spazio alla ricerca di un equilibrio armonico, in un gioco di piani affiancati e sovrapposti dove l'effetto di profondità è prodotto dalla contrapposizione tonale dei colori, spesso a rilievo sullo sfondo nero. Papale nasce come pittore, ma la sua attività di studio e di ricerca lo porta ad esplorare altri linguaggi espressivi, che interagiscono nella scelta compositiva e che oggi concorrono a completare il suo profilo artistico. L'esperienza pittorica emerge dal sapiente accostamento dei colori, dalle basi cromatiche che accentuano l'effetto di profondità e volume, riprodotto magistralmente anche nelle sculture, dove la cromaticità è contemporaneamente sostanza e forma, luce e ombra.
Nella materia lavorata su maiolica o con l'antica tecnica orientale Raku, il segno approda infine ad una forma compiuta. Papale riproduce figure ed oggetti intrisi di ancestrali significati simbolici. Totem, profili di guerrieri ed animali sono soggetti di raffinati lavori dai molteplici tasselli policromi, che rimandano talvolta ad antiche figure precolombiane, qui rielaborate attraverso la sua personale visione artistica.
Nella ceramica Raku la materia è di per sé opera d'arte. Accostandosi allo studio della tradizione orientale, Papale subisce la fascinazione di questa antica tecnica che lo conduce ad eccellenti risultati: la luce catturata dalle superfici policrome e spesso enfatizzata da effetti metallici, insiste sui piani sfalsati, nelle cavillature e nelle piccole pieghe, restituendoci preziosi punti di osservazione.
Plasticità e forma, cromaticità e tridimensionalità sono la risultanza delle superbe sculture e dei bassorilievi, che rappresentano una gran parte della produzione artistica di Papale. Riconosciamo nella sua arte l'aspirazione al compimento di un ordine connaturato in ogni singolo aspetto di vita e di forma. L'armonia della composizione cui giunge l'artista trova nella combinazione degli elementi un alto valore estetico che restituisce alla natura la sacralità della sua bellezza.


HOME | BIOGRAFIA | GALLERIA | MOSTRE | CONTRIBUTI CRITICI | CONTATTI | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu